Corso Posturologia

23 novembre 2013 - 09:30 - Durata: 2 gg

Corso di Posturologia e dei disordini ad essa correlati: approccio ezio-diagnostico-terapeutico multidisciplinare con rivalutazione stabilometrica
La Posturologia è diventata negli ultimi anni una fra le materie più studiate dalla medicina fisioterapica ed i corsi su tale materia si diffondono sempre di più. Tuttavia, in Italia, scarseggia una cultura della materia e di conseguenza una adeguata offerta formativa. Spesso nei vari corsi viene rappresentato solamente l’aspetto “Postura” della Posturologia. Tale aspetto è stato ampiamente studiato e diffuso già negli anni sessanta e ora rivisto e riconvertito è riproposto sotto il nome appunto di Posturologia.
Il termine Posturologia è purtroppo ambiguo e omnicomprensivo e talvolta permette di confondersi. Secondo L’Associazione Francese di Posturologia che più di altre lo ha sviluppata “è la scienza che studia, fondandosi sulle più moderne acquisizioni della Fisiologia, l’equilibrio dell’uomo e quali sono le strategie che vengono utilizzate per mantenerlo in ogni circostanza”.
La conoscenza delle leggi del tono posturale (riflessi posturali) permette di localizzare le principali disfunzioni posturali e di prevedere l’azione del trattamento sull’equilibrio del paziente. Il cervello analizza le informazioni provenienti dall’esterno (apparato stomatognatico, occhio, orecchio, tatto ecc.) e tramite circuiti riflessi adatta la postura in base alle necessità. Se i circuiti sono inefficienti, sarà compito del terapeuta intervenire (ciascuno secondo le proprie competenze) su questo sistema. La Posturologia infatti permette di trattare i disturbi funzionali dell’equilibrio e della postura tramite stimolazioni buccali, visive, podaliche o manuali. L’esame clinico orienta verso uno specifico trattamento posturale e permette di verificare immediatamente la sua efficacia.
La Posturologia prevede quindi per prima cosa, di conoscere i meccanismi che intervengono nel mantenere l’equilibrio, e secondariamente quali correzioni utilizzare in caso di disfunzione per riportare il paziente ad un controllo fisiologico dell’equilibrio, in una visione complessiva del paziente e non nel senso “posturale” stretto.
Essa è stata sviluppata negli anni ‘50 attraverso gli studi di Posturografia in seno alla Società francese di posturografia, trasformata in seguito in società francese di Posturologia e infine di postura ed equilibrio.
È quindi indispensabile proporre le basi neuro-fisiologiche del controllo posturale come sperimentato in Francia dalla scuola Francese con il prof. Lacour e la ricerca clinica del dott. Gagey e collaboratori, negli Stati Uniti dal dott. Nashner, in Giappone da Fukuda ed infine in Portogallo con i dott. Da Cunha e Da Silva e correlarle con le eso-endo-entrate.

Relatori:
ALATI Gian Luca Maria
ARTICO Riccardo
BRESSAN Pietro
CASANI Pietro Augusto
LIMONGI Jean Louis
MANTOVANI Enrico
MARCHETTI Manuela
MARCUGLIA Dino
PEPE’ Giovanni
POISNEUF Anne-Françoise
PRATI Sandro
ROSSETTI Roberto
SALLUSTI Giorgio
ZOCCHE Mariano
PATTI Antonio

Archivio corsi